RAID: Shadow Legends \ La guida completa per principianti (e non)


Abbiamo già avuto modo di tessere le lodi di RAID: Shadow Legends nella nostra recensione, elogiandone soprattutto la profondità nell'aspetto più GdR del titolo.
In questo articolo cercheremo dunque di darvi una mano a comprendere nel migliore dei modi le meccaniche di questo gioco, permettendovi di avere un forte vantaggio nei confronti di tutti i giocatori più "casual".
Massimizzare la propria efficienza è importante per tutti, ma diventa fondamentale per i giocatori free, che in questo modo potranno minimizzare il divario con i giocatori paganti.

A chi è rivolta questa guida?
La prima parte è dedicata ai novellini che hanno appena completato il tutorial iniziale, e ci concentreremo su tutte quelle regole non scritte che il tutorial non dice.
Proseguiremo poi parlando di concetti più avanzati, che risulteranno nuovi anche a giocatori con mesi di esperienza alle spalle.
Infine, dato che a livelli molto alti diventa quasi impossibile dare consigli generici (e non basati sullo specifico roster di eroi che ognuno si sarà costruito), per chi volesse consigli personalizzati c'è uno spazio commenti in fondo all'articolo che potete utilizzare per qualsiasi domanda ;)

Se invece non avete ancora RAID sul vostro PC, qua il link per scaricarlo sul sito ufficiale.

Sommario

Errori iniziali da evitare assolutamente

Quando si è dei completi novellini, è facile imbattersi in errori che, seppur banali, possono rallentare (di molto!) i vostri progressi.
Ecco alcuni aspetti sui quali è fondamentale iniziare a ragionare sin da subito:

Scelta dell'eroe di partenza

Il vostro eroe iniziale vi traghetterà per tutta la prima parte di gioco. Tutte e 4 le opzioni disponibili sono buone per un principiante, ma alcune sono eccellenti anche per le fasi future, mentre altre diventeranno abbastanza inutili dopo 1 mesetto di gioco.

Kael, l'eroe iniziale consigliato

Kael è senza dubbio la scelta migliore.
E' un eroe formidabile non solo per campagna e dungeon, ma anche per le sfide contro il Clan Boss... diventerà un po' obsoleto solo quando avrete sbloccato alcune maestrie avanzate e trovato campioni Epici o Leggendari migliori da utilizzare contro il già citato Boss, ma tranquilli: questo non avverrà se non dopo mesi di gioco.

Athel inizia un po' sottotono, non è la migliore per traghettare i principianti, ma trova impiego anche in account molto "stagionati" come membro della squadra per il Cavaliere Pirico.

Elhain se la cava benaccio in PvP, ed ogni tanto la si riesce a vedere anche in team in Oro IV... tuttavia, per arrivare ad Oro IV senza aver trovato campioni migliori con cui sostituirla, dovete avere parecchia sfortuna con le schegge...

Galek è universalmente riconosciuto come la scelta peggiore: dopo 1-2 mesi di gioco sarà poco più che cibo per i vostri eroi migliori.

Sfide, obiettivi, missioni... ed ordine progressivo

I nuovi arrivati nel gioco hanno un aiuto enorme dato dalle ricompense del sistema di sfide ed obiettivi.
Sfide ed obiettivi sono, come potrete intuire, una serie di traguardi da raggiungere per ottenere degli importanti premi che accelereranno notevolmente il vostro progresso.
Seguire le direttive date da tali missioni è non solo utile a capire dove direzionare i vostri sforzi per progredire uniformemente in tutte le aree (fungono un po' da tutorial), ma anche fondamentale per ottenere dei premi praticamente irrinunciabili se volete avere un account potente.

Assicuratevi di procedere nell'ordine pensato dagli sviluppatori: se avete completato le missioni #1, #2 e #3, e poi vi siete bloccati sulla #4, è inutile completare la #5, #6 e #7, perchè molto probabilmente dovrete completarle nuovamente dopo aver finalmente completato la #4 (a meno che non si tratti di missioni che possono essere completate una volta soltanto, nel qual caso vi verranno abbonate di sicuro).

E lasciatevelo dire da uno che una volta è dovuto tornare indietro di circa 20 missioni: NON è piacevole!

Il timing è tutto: l'importanza di eventi e tornei

In RAID: Shadow Legends ci sono molte cose da fare per progredire: allenare campioni, evocare campioni, trovare manufatti, potenziare manufatti, combattere nell'arena, e così via...
Se non avete una particolare urgenza di svolgere una determinata attività, è fondamentale attendere tutto il tempo necessario prima di svolgerla, pur di svolgerla nel momento in cui vi è un torneo od evento che la riguardi.

Facciamo un pratico esempio: avete 3 schegge sacre e 2 schegge del vuoto, non vedete l'ora di utilizzarle perchè siete impazienti di trovare un nuovo leggendario, così senza pensarci un attimo le aprite tutte (ci siamo passati tutti..).
2 giorni dopo inizia l'evento di Evocazione dei Campioni, che offre ricchi loot a chiunque raggiunga 2500 punti.
A quell'evento purtroppo non vincerete alcunchè, perchè non avete più schegge da utilizzare... se aveste aspettato un paio di giorni per aprire quelle che già avevate, avreste totalizzati quasi 2000 punti torneo sin dalla prima ora!

Inutile farmare il ragno per una decina di run 1 volta a settimana: meglio salvare l'energia ed usarla 1 volta al mese in concomitanza dei tornei!

Stesso discorso per i Dungeon: dovete farmare il Drago per trovare un particolare pezzo d'equipaggiamento? Aspettate che vi sia un Torneo del Drago, così da ricevere ricompense aggiuntive mentre grindate!

Dedicheremo a questo argomento più spazio nel paragrafo dedicato più avanti.

L'importanza dell'energia

Sebbene all'inizio la questione energia non sia un vostro problema (grazie a sfide e missioni ne avrete in abbondanza), ben presto diventerà uno dei fattori cruciali da tenere a mente per progredire velocemente.
Non sprecatela, ossia non imbarcatevi in battaglie al di sopra del vostro livello, e non raccogliete immediatamente ogni premio vi procuriate, per due motivi:

1) L'energia si ricarica gratuitamente col passare del tempo, ma solo se non è già piena.
Se vi ritrovate con 1000 punti energia quando il massimo che potete tenerne è 100, ed impiegate 24 ore per utilizzare 900 punti energia... in quelle 24 ore avrete rinunciato a tutta l'energia gratuita che vi sareste procurati altrimenti! Molto meglio utilizzare i refill uno alla volta, e se avete dei mega-refill da oltre 500 punti, teneteveli per un momento in cui potete dedicare al gioco parecchio tempo di fila.

2) E' bene sfruttare i refill di energia in momenti in cui essi vi permettono di raccogliere ricompense maggiori - ad esempio durante un Torneo a cui state partecipando attivamente.

Meccaniche di base, ma non troppo

In questo paragrafo parleremo di alcune delle meccaniche di base del gioco, che tuttavia tanto basilari o scontate non lo sono, anzi... Concetti come quello del contatore di turno o delle sottostatistiche dei manufatti vengono regolarmente sottovalutati non solo dai novellini, ma anche dai giocatori più avanzati, che a causa di questo si ritrovano poi puntualmente in fase di stallo.

Il contatore di turno, e l'importanza della velocità

Croce e delizia di ogni giocatore di RAID è il Contatore di Turno, ossia quella barretta gialla sotto alla barra verde dei punti vita (HP) che determina chi abbia diritto ad attaccare.
Il combattimento a turni, infatti, non è "democratico", non prevede un'alternanza predefinita di turni regolari, ma funziona in una maniera più complicata.

All'inizio di ogni battaglia, ciascun eroe parte con il contatore a 0. Dopodichè, ciascun eroe inizia a riempire il suo contatore di turno in base alla sua velocità (VEL), che dipende sia dall'attributo base di ciascun campione, che dai manufatti equipaggiati, dalle maestrie in possesso dell'eroe, etc...

Il primo che arriva a 100 attacca e resetta il suo contatore di turno.
A quel punto la "corsa" continua, il secondo che arriva a 100 attacca e resetta, e così via per tutta la battaglia.

La mia Arbiter è quella con VEL maggiore, dunque attacca per prima ed ha il contatore a 0 (appena resettato). Alcuni eroi hanno la barra più piena di altri: ciò è dovuto alla loro VEL. Se non intervengono skill che manipolano il contatore di turno, l'ordine sarà quello scritto in sovraimpressione sull'immagine.

Campioni particolarmente veloci, dunque, possono attaccare anche 2 volte di fila... pensiamo ad un 1vs1 in arena, con un campione con velocità 201 ed uno con velocità 100: il primo riempirà il suo contatore, attaccherà, e lo riempirà una seconda volta prima che il suo avversario faccia in tempo ad effettuare il suo primo attacco.

Per questa ragione la VEL è l'attributo più importante di tutto il gioco: se non riuscite a progredire e siete in stallo, specialmente nel PvP, e non ne capite il perchè... al 90% il vostro team ha problemi di velocità.

Per vedere dal vivo il contatore di turno in azione, guardate questo video:

Manufatti, statistiche e sottostatistiche

Un aspetto al quale la maggior parte dei novizi non pensa assolutamente è che vi sono dei manufatti comuni da 4* stelle che possono rivelarsi di gran lunga migliori di manufatti leggendari a 6* stelle!
Sì, è vero, le stelle e la rarità sono elementi importanti, ma da soli non bastano a rendere un manufatto adatto al vostro eroe, e per capire il perchè andiamo a vedere come funziona esattamente il sistema di manufatti.

Ciascun manufatto ha una sua caratteristica base, che trovate scritta in alto.
Vi sono poi delle sottostatistiche, 4 in tutto, che nel caso dei manufatti leggendari sono disponibili sin da subito, mentre negli altri casi verranno sbloccate mano a mano che potenzierete i manufatti.
I manufatti epici hanno 3 sottostatistiche sbloccate, con la quarta che si sbloccherà al liv. 16; quelli rari ne hanno 2, con la terza e la quarta che si sbloccheranno ai livelli 12 e 16. Gli inusuali le sbloccheranno ai livelli 8, 12 e 16, ed i comuni ai livelli 4, 8, 12 e 16.
Se potenziate un manufatto ad uno dei livelli-chiave (4, 8, 12 e 16) ma questo non sblocca alcuna nuova sottostatistica (poichè già sbloccata in partenza), il sistema incrementerà il valore di una delle sottostatistiche già disponibili.
Ad es: un manufatto leggendario di livello 16 avrà 4 sottostatistiche come un banale manufatto comune di livello 16, tuttavia (a parità di stelle) il primo avrà delle sottostatistiche migliori poichè esse avranno ricevuto 4 step di potenziamento ai livelli 4, 8, 12 e 16.
La statistica di base, invece, viene potenziata ad ognuno dei livelli-chiave, ed è quindi la più importante in assoluto, poichè è l'unica che raggiungerà cifre davvero importanti una volta che il manufatto sarà stato potenziato a dovere.

Vi sono poi le stelle, da 1* a 6* per ciascun manufatto.
Queste stelle determinano l'entità dei bonus forniti dal manufatto, ad es. un manufatto con 3* con VEL come caratteristica base, potenziato al livello 16, apporterà un bonus di 30 punti. Uno con 5* ve ne fornirà 40.

A questo punto, possiamo fare alcune considerazioni.

Per prima cosa, bisogna notare come un manufatto leggendario, se non supportato da un adeguato numero di stelle, risulterà abbastanza inutile: inutile avere la possibilità di potenziare per 4 volte una sottostatistica, se questa non raggiungerà comunque il valore di una sottostatistica mai potenziata di un manufatto comune a 6* stelle.
Lo stesso discorso vale anche al contrario, anche se in misura minore: un 6* stelle comune avrà grossi valori nella sua statistica di base, ma il suo apporto sarà limitato sotto qualsiasi altro punto di vista.

Vedete questo bel manufatto scintillante? Come brilla col suo colore arancione da manufatto leggendario, e le sue 6* che è quasi difficile contarle? Ecco, questo manufatto fa schifo! La caratteristica base è terribile poichè espressa come valore flat piuttosto che in percentuale, e le sottostatistiche non sono niente di che. Ci sono manufatti rari 3*** nel complesso molto migliori di questo.

Inoltre, ciascun manufatto deve essere cucito su misura per il campione al quale lo state riservando, soprattutto per quanto riguarda la caratteristica di base... ad esempio, se avete degli stivali leggendari 6* stelle con ATT come caratteristica base, complimenti: avete un pezzo di equipaggiamento inutile!
Gli stivali sono l'unico pezzo sul quale potreste trovare la VEL come caratteristica base, ed è quasi obbligatorio (quantomeno a livelli alti) equipaggiare i vostri migliori campioni con stivali di velocità... o al più con valori in % della caratteristica prediletta dall'eroe (ad esempio ATT% per un campione offensivo, o DIF% per uno difensivo)... stivali con ATT a valore fisso sono uno spreco totale!

Stesso discorso per i guanti, unico pezzo che potrebbe riservarvi i valori TASS DEC% o DANNO DEC%.

Queste le statistiche base che potete trovare su ciascun pezzo d'equipaggiamento:

Arma (ATT)
Elmetto (HP)
Scudo (DIF)

Guanti (TASSO DEC%, DANNO DEC%, HP, HP%, ATT, ATT%, DIF, DIF%)
Armatura (ACC, RES, HP, HP%, ATT, ATT%, DIF, DIF%)
Stivali (VEL, HP, HP%, ATT, ATT%, DIF, DIF%)

Da notare dunque come nei primi 3 casi sia necessario puntare su manufatti con ottime sottostatistiche, perchè quelle di base non sono particolarmente interessanti... per quanto riguarda invece guanti, armatura e stivali, è fondamentale avere pezzi con statistiche di base espresse in percentuale.

La campagna PvE: come farmare efficientemente

Le battaglie della campagna sono cruciali per tutti i giocatori: i novellini passeranno qua il 95% del loro tempo, ma anche i più veterani vi dovranno tornare quotidianamente per guadagnare XP ed argento.
Le battaglie della campagna sono infatti quelle con il miglior rapporto fra energia spesa e punti esperienza guadagnati, e sono la scelta obbligata per far salire di livello i pasti sacrificali da dare ai nostri campioni per salire di grado.

Un nuovo giocatore non dovrà quasi neanche avvicinarsi ai dungeon fino a che non avrà completato tutte le battaglie della campagna in modalità "Normale", e non passerà molto prima che si debba dedicare anche alle difficoltà "Tosto" e "Brutale". Le battaglie della modalità campagna, oltre ad offrire paccate di esperienza ai nostri eroi, sono anche un'eccellente fonte di manufatti iniziali, schegge misteriose ed eroi (alcuni dei quali molto forti, come Warmaiden o Spirithost).
Inoltre, ottenere le stellette (1 per ogni livello completato, 2 se senza subire perdite, 3 se con soli due eroi) sarà fondamentale per reclamare le ricompense previste dal gioco, tutte molto succulente.

Insomma, ad esclusione del livello Incubo (effettivamente riservato a giocatori molto avanzati), la campagna è la nostra fonte primaria di risorse per far crescere il nostro account, ed è qui che dovremo spendere la maggior parte della nostra energia.

Ma come grindare efficacemente?
Il livello migliore da affrontare (in termini di rapporto XP\energia) è il n.6 del capitolo 12, o in alternativa il n.3 dello stesso capitolo, che fornisce poca esperienza in meno, ma un po' più di argento.
I livelli 3 e 6 danno più punti esperienza del capitolo 7, e rispetto ad esso richiedono pure un punto energia in meno.

Per livellare il vostro cibo in maniera ottimale dovrete utilizzare un eroe (spesso quello con cui siete partiti) superpompato in grado di ripulire il livello anche da solo, ed affiancargli i 3 cibi che volete far salire di livello. I 3 cibi moriranno subito, il supercampione vincerà da solo, e l'esperienza verrà equamente distribuita fra i 4 campioni di partenza.
Il supercampione per riuscire nell'impresa dovrà avere dei buoni attacchi AoE (Area of Effect, ossia in grado di colpire tutti i nemici presenti), e possibilmente un equipaggiamento con il set Rubavita, quantomeno all'inizio.

Per portare 3 campioni 2** al livello 20 occorrono 15 run con boost XP attivo;

I dungeon

I Dungeon vi daranno filo da torcere per gran parte della vostra carriera: solo dopo mesi e mesi di gioco sarete in grado di completarli tutti al massimo livello!

I dungeon sono tutto un altro paio di maniche. Se le battaglie della campagna si possono passare senza starsi a scervellare troppo (basta avere qualsiasi eroe sufficientemente equipaggiato e livellato), i dungeon, quantomeno dal livello 7 in su, possono essere un gran casino.
Richiederanno team dedicati scelti accuratamente sulla base delle caratteristiche uniche di ciascun boss, ed anche l'equipaggiamento dovrà necessariamente essere studiato per le esigenze specifiche di ciascun eroe.
Qui, in pratica, comincia il bello, perchè sarete obbligati a ragionare su tutti i buff, debuff, attributi, maestrie e quant'altro di cui avrete bisogno.
Esempio: il Cavaliere Pirico richiede diversi campioni con attacchi multi-hit per sfondare il suo scudo, o dal livello 7 in poi sarà impossibile da battere... se avete un team di 5 campioni leggendari di livello 60 al livello massimo di ascensione con equipaggiamento top, ma nessuno di questi ha un attacco multi-hit, non avrete alcuna chance.
Al contrario, un team con gli eroi giusti e l'equipaggiamento ad hoc pensato per contrastare i punti di forza del Cavaliere Pirico, può ambire alla vittoria anche se gli eroi in questione non sono di livello molto elevato e l'equipaggiamento non è stato potenziato a dovere.

Antro del Drago

Questo Dungeon ci consentirà di ottenere alcuni dei manufatti più potenti del gioco... nella schermata di selezione del livello, sulla sinistra, potrete visualizzare l'elenco dei set i cui elementi potranno essere rilasciati in seguito ad una vittoria.
Le caratteristiche del Drago sono principalmente due...

La prima è il suo attacco "Scottatura": un attacco potentissimo che vi lascerà storditi senza possibilità di resistere al debuff... l'unico modo per evitare ciò è quello di infliggere al drago un quantitativo sufficiente di danni nell'arco di un turno.

La seconda caratteristica è la sua alta capacità di elargire debuff (stordimento, indebolimento, riduci attacco e veleno).

Alla luce di ciò, è necessario avere nel proprio roster degli eroi capaci di provocare forti danni in un colpo solo (ad es. Coldheart, Knight Errant, o l'eroe con cui avete iniziato) nonchè campioni in grado di bloccare e rimuovere i debuff dai propri compagni (ad es. Spirithost, Steelskull, Doompriest).

Sono inutili eroi in grado di manipolare il Contatore di Turno (ad es. Alure) dato che il Drago ne è immune.

Picco del Golem di ghiaccio

Come il Drago, anche il Golem di Ghiaccio rilascia i migliori manufatti di alcuni particolari set.
La caratteristica unica del Golem è la sua abilità passiva che farà resuscitare i suoi due potenti minion ogni qual volta i suoi HP scenderanno al di sotto di certe soglie (che cambiano a seconda del livello).

Il modo migliore per affrontarlo è dunque con un campione che abbia degli attacchi che bloccano le revitalizzazioni (ad es. Armiger, Conquerer, Fenax): sarà vostra cura far sì che il colpo decisivo a ciascun minion arrivi tramite suddetto attacco, così da non avere più il pensiero dei minion per il resto della battaglia.

Antro del Ragno

Uno dei dungeon più difficili di RAID!
Se nei due precedenti sia possibile cavarsela anche senza un team perfettamente ad hoc (quantomeno per i primi 15 livelli), l'Antro del Ragno sarà un incubo sin da subito qualora non abbiate i campioni adeguati. Caratteristica del Ragno è quella di spawnare orde di piccoli, fastidiosissimi ragnetti che non vedono l'ora di avvelenare i nostri campioni. Come se non bastasse, qualora non dovessimo riuscire ad ucciderli tutti prima della fine del turno, Skavag (questo il nome del ragno) li mangerà tutti, guarendo portentosamente.
Insomma, un gran bel casino, dal quale se ne esce solo avendo degli eroi con attacchi primari AoE, in grado di uccidere velocemente tutti i ragnetti sul campo, nonchè campioni in grado di influenzare il contatore di turno (ad es. Alure, Tomb Lord) per rallentare il ragno ed impedirgli di attaccare.

Una strategia molto in voga ad alti livelli (15+) è quella di utilizzare un tank di affinità debole nei confronti del ragno che subirà tutti gli attacchi dei ragnetti. Esempio: il ragno di livello 20 ha affinità Spirito (verde). Schiereremo Sinesha come unica campionessa con affinità Forza (rossa), dunque tutti i ragnetti attaccheranno lei. Essa sarà equipaggiata con un set "Controattacco" per cui ogni volta che riceverà un colpo, avrà un 25% di possibilità di colpire tutti i ragnetti sul campo (l'A1 di Sinesha è AoE).
Avremo poi uno o due Campioni di supporto in grado di guarirla\sostenerla, ed uno o due campioni in grado di infliggere grossi danni al ragno madre.

Potete vedere questa tattica in azione dal vivo nel video sottostante:

Castello del Cavaliere Pirico

Il Cavaliere Pirico è dotato di uno scudo che lo rende praticamente invincibile. Fino a che lo scudo è attivo, il Cavaliere riceve danni risibili ed è immune ai debuff... in pratica, è invincibile.
Con lo scudo fuori uso, è invece molto vulnerabile a qualsiasi attacco, specialmente quelli che ne riducono il contatore di turno (Alure e Coldheart sono le star indiscusse), diventando una preda quasi banale da sconfiggere.
Per mettere fuori uso lo scudo, bisogna colpirlo con un numero X (che varia a seconda del livello) di colpi. Nei livelli più alti, questo numero equivale a 10, il che significa che sono necessarie due cose: un buon numero di campioni con attacchi primari multi-hit (ad es. Athel o la stessa Coldheart), dei set di artefatti per contrattaccare e\o dei campioni in grado di piazzare dei buff "Contrattacco" sui nostri eroi.

Il piano sarà dunque quello di dare alcuni colpi allo scudo PRIMA dell'inizio del nostro turno, grazie ai contrattacchi; poi colpiranno i campioni con attacchi multi-hit; infine entreranno in gioco quelli per la riduzione del contatore di turno per prolungare lo stato di vulnerabilità del cavaliere ed affondare i colpi decisivi.

Labirinto del Minotauro

Il labirinto non richiede alcuna precauzione particolare, se non quella di mettervi in gioco dei campioni di buon livello. Verosimilmente sarà il primo dungeon che sarete in grado di completare al livello più alto, e non ci sono indicazioni particolari a riguardo.

Parliamo dunque del suo funzionamento: il Labirinto serve per ottenere Pergamene, che verranno utilizzate per sbloccare le Maestrie dei campioni.
Le Maestrie sono abilità passive assolutamente indispensabili per qualsiasi player si trovi almeno al secondo mese di gioco, dato che senza di esse molti boss e team in arena saranno irraggiungibili.
Dato il loro valore, grindare Pergamene è anche estremamente lungo, dispendioso e doloroso (leggete il paragrafo successivo sugli Autoclicker per delle dritte che lo renderanno più semplice).

Il grinding funziona così: al termine di ogni battaglia vinta, un campione a caso fra quelli che compongono il team riceverà un certo numero di pergamene.
Dato che non si possono sbloccare più di 3 maestrie per livello (e massimo una di livello 7), non appena un PG avrà accumulato un quantitativo di pergamene sufficiente a sbloccare tutte le maestrie sbloccabili, egli non potrà più essere fra i campioni scelti casualmente dal gioco per ricevere il drop di pergamene.

Quindi, per "pergamenare" velocemente un campione, la cosa migliore da fare è mandarlo in battaglia con altri 4 che abbiano le maestrie già maxate. Se non ne avete 4 maxati, l'unica cosa da fare è... armarsi di pazienza, energia ed autoclicker ;)

Data la lentezza del grinding, è obbligatorio attendere di avere un team in grado di vincere facilmente il livello 15 prima di iniziare seriamente a lavorare sulle maestrie.
E no, non serve aspettare un evento, perchè Eventi \ Tornei del Minotauro non si sono mai visti nella storia di RAID: Shadow Legends. Almeno per ora.

Fortezze

Fortezza dell'arcano

La fortezza forse più facile in assoluto.

L'unico accorgimento qua è quello di portare almeno 2-3 campioni in grado di piazzare un buff (qualsiasi) su tutti gli alleati: gli attacchi dell'Arcano sono infatti abbastanza deboli, ma diventano potentissimi (aumentati del 75%) se non abbiamo alcun buff attivo.
Quindi, fate in modo di avere sempre almeno un buff su ciascun eroe, e non dovreste avere particolari problemi (a patto di non tentare livelli palesemente troppo alti per il livello dei vostri campioni, è chiaro).

L'Arcano è sensibile alle manipolazioni del contatore di turno.

Fortezza della forza

Anche questa è una fortezza abbastanza facile da espugnare, anche ad alti livelli, anche senza un team dedicato.
L'unica particolarità del boss è la sua altissima difesa, quindi eroi in grado di piazzare un debuff RIDUCI DIF, o eroi in grado di ignorare la difesa avversaria, sono molto utili, ma non indispensabili (se il resto del team è sufficientemente potente).

Inoltre, possono far comodo degli eroi in grado di rimuovere i debuff, dato che il boss è in grado di piazzare stordimenti e riduzioni di attacco senza possibilità di resistervi.

Il boss è sensibile alle manipolazioni del contatore di turno.

Fortezza della magia

Il boss della Fortezza della Magia ha una skill che le permette di avere un gigantesco scudo che si ricrea continuamente.
Se state pensando di farla fuori con la forza bruta, magari perchè avete qualche PG in grado di ignorare gli scudi, vi sbagliate di grosso: oltre allo scudo avrà anche buff che ne aumentano l'attacco, la difesa e la velocità, nonchè moltiplicatori per ciascun buff attivo... insomma, una strada assolutamente non percorribile se non nei primissimi livelli.

Quello che vi serve tassativamente sono campioni in grado di rimuovere \ rubare buff, così da potergli togliere lo scudo senza faticare troppo.
Un'alternativa più difficile (poichè richiede una sincronia perfetta) ma ugualmente percorribile consiste nell'avere un PG in grado di applicare un debuff BLOCCO BUFF, così da impedirgli di ricreare lo scudo dopo che il primo sarà scaduto (al terzo turno).

Se avete campioni in grado di manipolare il contatore di turno, portateli ed utilizzati per prolungare il tempo in cui il boss sarà senza scudo.

Fortezza dello spirito

Il boss della Fortezza dello Spirito è in grado di guarire del 50% ad ogni turno.
La soluzione è tanto semplice quanto necessaria (non riuscirete a spuntarla altrimenti): portate un campione in grado di applicare un debuff RIDUCI GUARIGIONE.
Questo può avvenire tramite skill, se avete avuto la fortuna di evocare un campione adeguato, o tramite set di manufatti (ve ne è uno, chiamato Dannato, che fa proprio questo).

La via della riduzione del contatore di turno per farla fuori prima ancora che possa guarirsi è ugualmente applicabile, ma decisamente più difficile: tranne in rarissimi casi, la via del RIDUCI GUARIGIONE è di gran lunga la più semplice ed alla portata.

Fortezza del vuoto

Il Boss del vuoto è uno specialista dei veleni, che potrebbero distruggere anche campioni con moltissimi HP e difesa elevata.
La soluzione? Portate qualcuno come Spiritista, in grado di rimuovere tali debuff ed applicare un buff BLOCCO DEBUFF.
Non è un'accortezza indispensabile come lo sono quelle per le Fortezze dello Spirito o della Magia, ma aiuta molto.

L'Arena PvP

L'Arena PvP è uno dei compartimenti più stimolanti del gioco, perchè unisce all'adrenalina della competizione con altri giocatori, la soddisfazione che si ha nel ricevere alcune delle ricompense più preziose del gioco: Medaglie per la Sala del Trono, e Bauli dell'Arena.

Andiamo con ordine...

In Arena si gioca sia in attacco che in difesa. La difesa è gestita dall'IA del computer, l'attacco lo portiamo avanti noi.
Quando attacchiamo dunque, noi scegliamo chi portare in campo e quali skill utilizzare di volta in volta, mentre la difesa è preimpostata dal giocatore (che quindi può anche essere offline) e gestita dal computer.
Se vinciamo, sia in attacco che in difesa, guadagnamo un quantitativo di punti ranking in base al punteggio dell'avversario, e questi punti determinano il nostro Stadio di appartenenza.

Gli Stadi sono:
- Bronzo I, II, III e IV;
- Argento I, II, III e IV;
- Oro I, II, III e IV;
- Platino

Gli stadi di RAID: Shadow Legends... io, sono al livello Oro IV. Il livello Platino, ahimè, viene raggiunto mediamente dopo svariati mesi di gioco e migliaia di euro spesi!

Si accede a ciascuno Stadio superando determinate soglie di punteggio, e lo Stadio determina il tipo di Baule che riceveremo alla fine di ogni periodo di ranking, nonchè dei bonus in % alle statistiche dei nostri campioni nelle battaglie sia PvP che PvE.
Il periodo di ranking dura 1 settimana: quando termina, ci viene dato un Baule in base allo stadio in cui ci siamo classificati (e questi Bauli in Oro IV contengono ricompense molto succulente!); inoltre i punteggi vengono resettati, ed ogni player viene portato alla soglia inferiore del suo stadio di appartenenza.

Lo Stadio determina anche la quantità e tipologia di Medaglie che riceviamo per ogni vittoria in attacco: in Oro IV ad esempio si vincono 4 medaglie \ battaglia, che possono essere utilizzate per aumentare determinate statistiche dei nostri Campioni nella Sala del Trono.
L'aumento di queste statistiche è fondamentale e, sebbene richieda parecchio tempo maxare tutti i valori, ne vale davvero la pena.
In particolare, è fondamentale maxare i valori di PRECISIONE per tutte le affinità, dato che un boost di 80 punti è estremamente influente in tutte le aree del gioco, dal PvP al PvE.

Veniamo ora alle tattiche da utilizzare in Arena, con alcuni consigli sparsi:

- Velocità, velocità, velocità!
Se non vincete abbastanza, aumentate la velocità! Nel 90% dei casi, la squadra che inizia è anche quella che vince.
Utilizzate campioni con un'aura di VEL, e cercate di avere un campione iperveloce con una skill che aumenti la velocità e\o il contatore di turno dei suoi compagni: lui dovrà iniziare per primo ad attaccare, e dare agli altri quel boost necessario per arrivare subito dopo. Alcuni campioni molto popolari in tal senso sono: Farmacista, Gorgorab, Seeker.
Questa tecnica non funziona se nel team avversario c'è Tormin, ma state tranquilli: difficilmente lo vedrete prima di arrivare in Oro IV.

- La difesa non viene premiata.
Le medaglie per la Sala del Trono sono la cosa più preziosa della sezione PvP, ed in difesa non se ne vincono.
E' molto conveniente tenere una difesa scarsa per perdere punti e rimanere in uno Stadio più basso, dove sia più facile vincere in attacco.
Solo negli ultimi 1-2 giorni prima della fine del periodo di ranking imposteremo una difesa "reale", ed inizieremo a darci sotto per farci trovare allo stadio più alto possibile quando sarà ora di ricevere il nostro Baule.

- Dato che molti giocatori seguono il consiglio di cui sopra, e data l'importanza di vincere sempre in attacco per non sprecare gettoni, prendetevela comoda: non combattete contro chiunque, ma refreshate ogni qual volta vi sia consentito gratuitamente, e cimentatevi solo in sfide che siete convinti di vincere.

Boss del Clan

Cenni generali: conosci il tuo nemico

Il Boss del Clan costituisce la componente di PvE cooperativo all'interno di RAID.
Il Lord Demone è un mostro con milioni di HP che dovrete far fuori insieme al resto del vostro clan: i danni inflitti da ciascun membro, infatti, si accumuleranno fino a che non cadrà al tappeto.
Se il clan riesce a sconfiggere il mostro, ciascun membro riceverà 2 bauli di ricompensa, in base al quantitativo di danni inflitto. In caso contrario, il baule sarà soltanto 1, sempre basato sul quantitativo di danni inflitto.

Sebbene i primi livelli di difficoltà non siano poi così appetitosi in termini di ricompense, dal livello Incubo in su la questione inizia a farsi mooolto interessante.
Il livello Ultra-Incubo poi (per chi riuscirà ad arrivarci) costituirà la maggiore fonte di Tomi Leggendari e Schegge Sacre: ebbene sì, i due item più preziosi di tutto il gioco possono essere trovati nei bauli del boss ultraincubo, e ogni giorno potrete avere non una ma ben due chance di ottenerli.

In attesa di arrivare a questo livello (ci vogliono mesi e mesi), è possibile farsi le ossa ai ben-più-abbordabili livelli inferiori... come dicevamo prima, qua le ricompense non sono così succulente, ma possono comunque dare una gran bella mano ai giocatori meno esperti: troverete pozioni che vi faranno risparmiare energia nelle Fortezze, Tomi Rari (o talvolta Epici), argento, alcuni manufatti di set esclusivi (Immortale e Crudele, che rendono obsoleti i set Attacco e Vita), e raramente anche delle Schegge Antiche o addirittura del Vuoto.

Il boss resetta i suoi punti vita ogni giorno alle 12:00 (o alle 11 se c'è l'ora solare): è in questa occasione che vengono distribuite le ricompense ai membri nel caso in cui non sia stato abbattuto (perchè in questo caso, le ricompense arrivano subito).
I membri del clan potranno dunque utilizzare le loro Chiavi per effettuare degli attacchi. Le chiavi si rigenerano ogni 6 ore, dunque è importante attaccare alle 12.01 non appena il boss si resetta, così da poter effettuare più attacchi (fino a 4 al giorno, se siete molto attivi.. la maggior parte dei giocatori però può accontentarsi di 3).
Il boss inizierà le battaglie con affinità neutra (del vuoto) ma non appena i suoi HP scenderanno al di sotto del 50%, acquisterà un'affinità casuale e delle skill aggiuntive che lo renderanno più pericoloso.
Per questa ragione è importante avere dei Campioni adeguati di ogni affinità, o sbrigarsi ad infliggere i danni necessari all'ottenimento della cassa di livello più alto prima che il boss "cambi colore".

Un attacco al clan boss, con HP quasi pieni, poco dopo il reset delle 12.00

L'ordine degli attacchi del boss è sempre lo stesso e molto prevedibile: prima una skill AoE, poi un'altra skill AoE, infine un attacco single-target che lascia storditi senza possibilità di resistervi.
L'attacco forse più temibile è proprio quello single-target, perchè estremamente potente e capace di debilitare un campione per un turno intero.

Per fortuna, è possibile prevedere chi sarà il target di questa skill, dato che il boss ragiona in questo modo:

- per prima cosa, esclude eventuali campioni con buff Inammazzabile, Controattacco, o Aumenta Difesa.
- se è sotto il 50% di hp ed ha un'affinità, sceglie quello\i con affinità negativa (ad es. boss Forza attaccherà Magia)
- se vi sono più affinità negative (o non ve n'è nessuna) sceglie quello con HP più bassi
- se tutti hanno pieni HP, sceglie il leader.

Questa grande prevedibilità rende possibile lo studio di strategie ad hoc molto precise che diventano assolutamente fondamentali se volete arrivare ad alti livelli... ad esempio, si possono regolare le velocità dei campioni per far sì che un eroe come Steelskull, con skill per rimuovere i debuff, attacchi sempre appena prima di un campione con affinità negativa, così da poter rimuovere lo Stun.

Un'ultima cosa: i primi attacchi del boss fanno ridere, ma turno dopo turno aumenta il danno che causa.

Strategie iniziali (valide per tutti i livelli)

Per chi è agli inizi, c'è solo un modo di infliggere danni importanti: applicare quanti più debuff veleno possibile, poichè il loro danno è calcolato non tanto in base alla potenza d'attacco del campione, quanto agli HP massimi del nemico (che in questo caso sono tantissimi).
Anche un debuff Brucia HP può andare, ma non è ugualmente efficace... inoltre, ce ne può essere soltanto uno alla volta, mentre voi dovreste cercare di riempire il boss di segnalini veleno il più possibile (ricordate che vi è un limite massimo di 10 debuff contemporanei).

Alcuni campioni eccellenti per questo scopo (e facilmente ottenibili anche da un giocatore agli inizi) sono: Kael, Frozen Banshee, Monaco Fuorilegge.

Vi sono poi dei campioni con skill i cui danni, pur non infliggendo Veleni o Brucia HP, sono basati sugli HP massimi del nemico: Cuorglaciale ed Armiger sono due esempi eccellenti. Anche loro vanno benone.

Assolutamente fondamentale sarà, per pensare di passare al livello Brutale, avere le maestrie Warmaster o Giant Slayer su tutti i campioni che utilizzate con il boss. TUTTI. Senza dilungarmi troppo nella matematica dietro alla scelta fra le 2, sappiate che 99 volte su 100 Warmaster va utilizzata sui campioni che sull'attacco primario hanno 1 o 2 hit, mentre Giant Slayer su quelli con 3 o 4 hit (ad es. Athel o Cuorglaciale)

Un fattore importantissimo ed inaspettato che dovete tenere a mente (e che vi tornerà utile anche al livello ultra-incubo) è che, tranne in rarissimi casi riservati ai giocatori con account ultrapompati, chi fa i maggiori danni non è il team con l'attacco migliore, quanto quello con la difesa migliore.
Sì, perchè i vostri attributi ATT ed i vostri manufatti con ATK%, agli enormi HP del boss, gli fanno il solletico.
I danni seri avvengono principalmente grazie ai veleni ed alle maestrie (Warmaster\Giant Slayer), quindi non serve avere un forte attacco, quanto un'enorme difesa per sopravvivere più turni possibile e far attivare più debuff e maestrie.

Questo significa che i vostri campioni dovranno essere altamente specializzati: un buon Kael per il boss avrà guanti ed armatura con DIF%, cosa che lo rende una schiappa in Arena o nella Campagna. Viceversa, un Kael con guanti ATK% o CRIT% farà bene negli altri settori del gioco, ma morirà troppo presto contro il boss.

Sempre in tema di manufatti: con quali set equipaggiare i campioni?
Rubavita. Per tutti. Soprattutto dopo che avrete sbloccato le maestrie, perchè a quel punto la sola attivazione di WM\GS permetterà al set Rubavita di farvi tornare a pieni HP.

Altri buff\debuff che è importante avere a disposizione:

- Riduci DIF, Indebolimento (per causare più danni)
- Riduci ATT, fondamentale per evitare che dal ventesimo turno in poi il vostro team intero venga devastato da un singolo attacco AoE
- Aumenta DIF
- Aumenta VEL (quella serve sempre!)

Cercate dunque fra quelli che avete a disposizione, degli eroi capaci di applicare questi buff\debuff.

Non sono invece utili i manipolatori del contatore di turno, dato che il boss ne è immune.

Strategie avanzate (da Brutale in su)

Dal livello Brutale le cose iniziano a farsi serie, e bisogna lavorare di fino.
Di base, valgono gli stessi principi esposti poco fa, ma adesso deve essere tutto più preciso.
Il debuff Riduci ATT ad esempio deve essere sul boss per il 100% del tempo - non sono ammessi errori.
Basta una piccola crepa nel piano (ad esempio il campione incaricato di mettere il Riduci ATT viene stunnato) ed ecco che al turno successivo il boss vi fa fuori l'intero team, con 10 round di anticipo rispetto al solito.
Le velocità devono quindi essere calibrate alla perfezione, per far sì che non si sfalsino i turni dando origine a situazioni impreviste.

Inoltre, arrivati a questo livello potreste aver trovato uno dei rari campioni in grado di dare al vostro team un buff Controattacco (Valkyrie, Martire o Skullcrusher): in questo caso, complimenti, avete fatto bingo e potete impostare una delle strategie più efficaci in assoluto!
Date al campione con controattacco una velocità di 171 (così da superare appena i boss di incubo e brutale, che hanno rispettivamente 170 e 160), e a tutti gli altri velocità comprese fra 172 e 185. In questo modo, anche in automatico, sarete sicuri di non perdere neanche un turno e sfruttare nel migliore dei modi il buff controattacco.

Guerre di Fazione

Le Guerre di Fazione, il banco di prova dei più esperti giocatori di RAID.

Le guerre di fazione sono il contenuto endgame più difficile in assoluto: completarle richiede mesi e mesi di gioco, nonchè una considerevole cifra di denaro reale.
Tuttavia, vi sono tantissime ricompense a cui anche i giocatori free possono ambire: oltre ai tomi rari ed epici disponibili ai livelli 7 e 14 di ogni cripta, anche molte delle ricompense basate sul sistema delle stelle (analogo a quello della campagna) sono certamente alla portata di un giocatore free, purchè con diversi mesi di gioco attivo sulle spalle.

Due parole su come funzionano le guerre di fazione: vi sono 13 cripte, una per ciascuna delle fazioni presenti nel gioco.
Ad ogni cripta potete portare da 1 a 5 campioni, purchè appartenenti alla fazione in questione.
Completare il round con 5 campioni e nessuna perdita vi dà 3 stelle, 3 campioni e nessuna perdita 2 stelle, meno di 3 campioni o con campioni caduti 1 stella.
Ai livelli 7, 14 e 21 vi sono dei boss con delle particolari abilità che vi daranno del filo da torcere, ma in compenso dropperanno dei tomi.

Oltre a suddetti tomi, la vittoria di ogni battaglia vi ricompenserà con dei Glifi, utilissimi per aumentare le sottostatistiche dei vostri manufatti migliori.

I primi 7 livelli sono abbastanza facili, alla portata di chiunque riciclando i campioni che utilizzate nelle altre sezioni del gioco.
Per arrivare al 14 (e soprattutto per battere il relativo boss) sarà necessario dedicare un po' di risorse allo scopo, portando al livello 60 (ed equipaggiando adeguatamente) eroi a cui altrimenti non avreste dedicato molte attenzioni.
La strada verso il livello 21, invece, è dannatamente difficile, ed è altrettanto difficile pensare che qualcuno possa ottenere 3 stelle ad un qualsiasi livello 21 senza avere 5 leggendari equipaggiati con il top del top. Insomma, un gran casino.

Per questa ragione, ossia l'impossibilità di accedere alle ricompense migliori senza avere 13 team eccellenti, molti consigliano di non dedicarsi alle guerre di fazione.
In realtà, possono essere una fonte di item non indifferente, e senza lasciare che tolgano spazio ad altre aree più importanti, è bene dedicargli un po' di tempo sin da subito. D'altronde, non si spreca energia, quindi ogni tentativo è gratis...

Un buon compromesso per evitare di perdere tempo è quello di non dedicare grosse risorse alle guerre di fazione fino a che non avrete completato tutte le Missioni (ed ottenuto Arbitro).
Ossia, non sprecate cibo per livellare campioni che usereste solo in questa sezione, e che per il vostro roster non hanno senso di essere utilizzati altrove. O quantomeno, non fatelo regolarmente: un conto è portare uno o due campioni al 50 per battere un boss e sbloccare i più semplici livelli immediatamente successivi, un altro è dedicare tutte le proprie energie ad avere 4 o 5 livelli 60, che poi tanto comunque da soli non basteranno a farvi ottenere niente di grandioso.

Guida ad Eventi e tornei

Gli Eventi ed i Tornei sono, quantomeno per i giocatori f2p, la maggiore (quasi unica) fonte di item rarissimi come i Tomi Leggendari.
E' fondamentale parteciparvi dunque, ma con intelligenza: la prima regola è quella di non partecipare seriamente a qualsiasi evento vi capiti davanti.

A meno che non siate disposti a spendere centinaia di euro al mese, è impensabile riuscire ad arrivare ai premi top di ogni evento, quindi è meglio concentrare i propri sforzi su un evento al mese, di cui aggiudicarsi le ricompense migliori, piuttosto che accontentarsi delle briciole di ogni evento vi capiti di fronte.
Per un giocatore free to play, l'unico modo per avere quegli ambitissimi Tomi Leggendari messi in palio come premi finali di molti tornei consiste nel prepararsi con largo anticipo.

Esempio: c'è l'evento inerente l'evocazione di campioni ed avete 2 schegge sacre? Non apritele! Con 2 schegge sacre non riuscireste comunque, in alcun caso, ad arrivare ai punti necessari per aggiudicarvi le ricompense finali... tenetele piuttosto per la prossima volta, che sarà magari 14 giorni dopo, nei quali accumulerete altre schegge sacre... e a quel punto, con 4-5 schegge sacre, potrete finalmente completare l'evento nel migliore dei modi.
Lo stesso discorso vale per praticamente qualsiasi tipo di evento\torneo: accumulate del cibo 5* pronto prima dell'evento Allenamento dei Campioni, gettoni dell'arena per l'evento Assalto all'Arena, e così via... solo preparandovi in anticipo potrete godere di quel boost iniziale necessario per raggiungere il traguardo.

- Ecco quali sono le risorse da non utilizzare se non durante un evento dedicato: schegge antiche, schegge del vuoto, schegge sacre, polli, birre xp, gettoni arena.

- Queste invece le risorse di cui limitare l'uso in assenza di eventi: ricariche di energia, schegge misteriose, gemme, eroi-cibo.

Inoltre, è fortemente consigliato non reclamare gli eroi che vincete tramite Battle Pass, ne' tantomeno fonderli, a meno che non vi sia un evento di "Caccia ai Campioni" in corso.

Come spendere le gemme

Anche i giocatori free-to-play si ritroveranno spesso con gemme da spendere. Qual è dunque il modo migliore per farlo?

Prima di tutto, la miniera: aumentatela al massimo. Se giocherete almeno 100 giorni, la matematica dice che avrete fatto un buon investimento. Se giocherete meno di 100 giorni, inutile starsi a scervellare su quale sia il modo migliore per spenderle.

A seconda del vostro stile di gioco, anche gli slot aggiuntivi della Fossa d'Allenamento sono una buona idea, mentre non è molto sensato potenziarne la velocità.

Un investimento ancora più a lungo termine è quello negli slot del mercato, che in effetti vi consiglio (ma inizierà a pagare solo dopo un paio mesi di gioco).
I manufatti che vi troverete solitamente non sono granchè, anche se alle volte qualcosa di giusto al momento giusto (per un giocatore alle prime armi) capita.
Ciò che dovete comprare (sempre!) sono le schegge misteriose, che per soli 5000 argento sono un affare stratosferico! ... compratene fino a che non ne avrete almeno un migliaio, e quando arriverà un evento di Allenamento dei Campioni o Evocazione dei campioni, mi ringrazierete per questo consiglio ;)

Anche i campioni 2* da 39k possono essere una buona scelta, per avere tonnellate di cibo pronto per il prossimo evento.

Per il resto, se l'efficienza è la vostra priorità #1 (e se siete giocatori free, lo è di sicuro) vi è un unico, solo modo migliore per spendere le vostre gemme: in ricariche di energia.
Potreste essere tentati di spendere gemme per le schegge, ma vi renderete presto conto che la lotteria delle schegge quasi mai riserva buone sorprese, e vi ritroverete con decine di campioni inutili a fare la muffa.
Potreste essere tentati dai pack argento, ma acquistare energia e poi grindare sul livello 12-3 è molto più efficiente (ed in più vi dà XP!).
Insomma, se volete massimizzare le vostre possibilità, i refill di energia sono senza dubbio la scelta migliore.

Autoclicker: come automatizzare il grinding

Premessa: il tema in questione fa parte di una grey area del regolamento al confine fra il consentito ed il proibito.
Prima di scrivere questo paragrafo, ho verificato sia nel regolamento che sul forum del gioco per trovare linee guida ufficiali a riguardo, ed al momento della stesura di questo articolo (Marzo 2020) non vi è alcuna regola che impedisce o limita l'utilizzo degli autoclicker.

Di cosa si tratta?
Un autoclicker è un programma in grado di cliccare un punto dello schermo al posto nostro.
Mettiamo che dovete grindare il Labirinto del Minotauro, e fare centinaia di run sullo stesso... stiamo parlando di ore di gioco, nelle quali ogni 2-4 minuti dovrete controllare se il run è terminato, cliccare "Replay", e tornare a fare ciò che stavate facendo, ma solo per 2 minuti, perchè poi dovrete di nuovo controllare, cliccare, etc... insomma, una grande scocciatura.
Con un autoclicker potete lasciare che il vostro PC faccia tutto da solo mentre andate a dormire, e ritrovarvi la mattina con tutte le pergamene di cui necessitate.
In che modo?
Fate partire una battaglia ed aspettate che finisca (si spera vincitori). Quindi, impostate l'autoclicker per cliccare in corrispondenza del bottone "Replay". Settate un timer di 30 secondi, e fate partire l'autoclicker. Andate a dormire e... buona notte! :)

Esistono decine di autoclicker gratuiti e semplici da usare, sia per PC che per MAC che per dispositivi mobili... scegliete liberamente quello con cui vi trovate meglio.

In questo video potete trovare una guida all'uso:


Immagini allegate:

Il gioco

Tipo: gioco da scaricare

Genere: mmorpg

Ambientazione: fantasy

MMORPG 2020 di eroi collezionabili - Crea la tua squadra di eroi. Allenali. Equipaggiali. Impara a conoscerne forze e debolezze... ed infine schierali nelle campagne PvE ...

leggi la recensione o Gioca ora!

Social network

N.D

Pubblicità